Home Ultime notizie Anziani non autosufficienti: il bluff del governo. L’assegno non è di 1.000€ e arriverà solo a 25 mila ultraottantenni

Anziani non autosufficienti: il bluff del governo. L’assegno non è di 1.000€ e arriverà solo a 25 mila ultraottantenni

Sostanzialmente per un anziano o per la sua famiglia, per ottenere il “prodigioso” bonus integrativo promesso e sbandierato in tutti i TG dal governo bisogna quasi trovarsi in questa situazione: anziano ultraottantenni con Isee al di sotto di 6.000€, (il che significa che vive solo, che percepisce la pensione sociale, che non ha risparmi, che non possiede la casa in cui vive), titolare di assegno di accompagnamento, non autosufficiente e con un bisogno assistenziale gravissimo (da definire con prossimi decreti)”. Trattasi pressappoco di 25 mila persone su 3.800.000, una goccia in un mare di bisognosi.
Quello che il TG1 qualche giorno fa ha sbandierato come un provvedimento epocale ed “universalistico” si è rivelato oggi per quello che è. Solo un bluff, uno slogan elettorale in vista delle prossime votazioni.

Mentre rimane al palo la legge n 33 del 30 marzo 2023 che doveva istituire un Sistema Nazionale (Snaa) che avrebbe dovuto finanziare, riformare e coordinare tutti gli interventi e le misure di sostegno per gli anziani, la non auto sufficienza continuerà ad essere un evento catastrofico per milioni di famiglie costrette a farsi carico direttamente della cura dei loro anziani e a dar fondo a tutte le loro risorse economiche per assistere adeguatamente il loro familiare.
Diceva la Presidente del Consiglio il 30 marzo “Gli anziani rappresentano il cuore stesso della società e prendersi cura di loro significa avere cura di tutti noi. Questo è l’impegno che ci siamo presi e lavoreremo velocemente per dare concreta attuazione a questa riforma, lavorando sui decreti delegati e individuando le risorse necessarie”.
Visto l’assegno deliberato e la platea dei beneficiari viene spontaneo esclamare “per fortuna che gli anziani sono il cuore della società” se non lo fossero sarebbe da preoccuparsi.